• IMG 0041
    Centro Trentino
    di Solidarieta'
  • Centro Trentino di Solidarietà
    Centro Trentino
    di Solidarieta'
  • DSC 0580
    Centro Trentino
    di Solidarieta'
  • fan cts
    Centro Trentino
    di Solidarieta'
  • DSC 0020
    Centro Trentino
    di Solidarieta'
  • DSC00582
    Centro Trentino
    di Solidarieta'
  • Centro Trentino di Solidarietà
    Centro Trentino
    di Solidarieta'
  • P1140546
    Centro Trentino
    di Solidarieta'
  • Centro Trentino di Solidarietà
    Centro Trentino
    di Solidarieta'
  • Centro Trentino di Solidarietà
    Centro Trentino
    di Solidarieta'
  • P1140577
    Centro Trentino
    di Solidarieta'
  • 10392483 10203860051035868 4808469321050760328 n
    Centro Trentino
    di Solidarieta'
  • P1140409
    Centro Trentino
    di Solidarieta'
  • DSC00575
    Centro Trentino
    di Solidarieta'
  • IMG00204-20120417-1443
    Centro Trentino
    di Solidarieta'
  • Centro Trentino di Solidarietà
    Centro Trentino
    di Solidarieta'
  • Centro Trentino di Solidarietà
    Centro Trentino
    di Solidarieta'
  • Centro Trentino di Solidarietà
    Centro Trentino
    di Solidarieta'
  • DSCN4712
    Centro Trentino
    di Solidarieta'

News

Prev Next

Casa Lamar. Ventidue anni di solidarietà

 Ventidue anni sono trascorsi da quando casa Lamar è stata aperta a Trento per ospitare uomini e donne con problemi di HIV e AIDS. Era il 1994 quando la diffusione del virus era ancora agli inizi e tante persone, le più povere e più sole, morivano per strada o abbandonate in un letto di ospedale. Ne è passata di acqua sotto i ponti e tanta è stata l’evoluzione del fenomeno dell’AIDS. Oggi la casa alloggio ospita 9 persone di cui 6 uomini e 3 donne. Persone che entrano in casa un po’ smarriti e che solo con l’accoglienza e l’apertura riescono a superare la paura. All’ingresso di questa casa sventola come una bandiera il sorriso degli operatori che con cura si dedicano a loro. Parole e gesti sono dentro questa casa importanti come le medicine facendone un luogo di accoglienza calorosa, che cerca di restituire dignità e senso a percorsi di vita particolarmente fragili, partendo dalla ricostruzione di relazioni e legami significativi. Un luogo in cui si sperimenta quotidianamente il sapore amaro del fallimento: “i fallimenti che per tua natura normalmente attirerai”. Un luogo in cui si incontra autenticamente la povertà, la vulnerabilità degli ospiti e quella degli operatori.  In un’età...

Antonio Simula 15 Feb 2017 Hits:305

Le nuove dipendenze e il riscoprirsi comunità

       Parlando di tossicodipendenza viene subito in mente la dipendenza da fattori chimici che alterano il nostro organismo: fumo, alcol, stupefacenti e altre droghe che producono gravi danni neurologici e sociali incalcolabili. Accanto alle sempre più nuove e più insidiose dipendenze “chimiche”, quelle di tipo “tecnologico” sembrano non meno gravi. Eppure le nuove dipendenze minano il nostro equilibrio psicologico e si stanno diffondendo in maniera esponenziale coinvolgendo sempre più persone. Sono queste, senza levare nulla alle dipendenze da fattori chimici, che minacciano il mondo giovanile. Nell’adolescenza le dipendenze più frequenti sono relative ai giochi di ruolo ed ai social networks. In età adulta invece, i sintomi più frequenti sono scatenati dai giochi d’azzardo, dalla ricerca smaniosa di informazioni e dal desiderio compulsivo di visitare siti pornografici.             L’uso eccessivo di strumenti tecnologici può spiegare alcuni disagi nell’interazione sociale, l’umore, la personalità, l’etica sul posto di lavoro, relazioni, processi di pensiero, o la privazione del sonno. Utenti che giocano compulsivamente, isolandosi dalla famiglia e dagli amici o da altre forme di contatto sociale, e si concentrano quasi esclusivamente sui risultati nel videogioco piuttosto che altri eventi della vita. Frequenti i casi di impiegati interdetti da internet perché connessi soprattutto ai social network. L’ultima...

Antonio Simula 15 Feb 2017 Hits:281

Accoglienza creativa

Il 2 dicembre 2016 a Casa Lamar “Accoglienza creativa” per celebrare la Giornata mondiale per la lotta all’Aids. Dopo i successi degli anni passati, quest’anno il Centro Trentino di Solidarietà onlus in collaborazione con la Cooperativa Arianna e il sostegno della Circoscrizione di Gardolo ha dedicato la giornata al tema dell’Accoglienza creativa perché l’accoglienza è un atto creativo, un gesto che modifica l’esistente generando bellezza. Accoglienza significa fare spazio dentro di sé al cuore dell’altro, ai suoi angoli bui, alle sue facce più difficili da guardare, più fastidiose. Accoglienza significa avvicinarsi senza reticenze e senza paura. Alle 19.00 sarà inaugurata l’opera pittorica murale creata dagli ospiti di Casa Lamar e di Casa Giano e alcuni ragazzi della Cooperativa Arianna. Interverranno Vincenzo Passerini, presidente regionale del CNCA, Luciano Azzolini, presidente del CTS, Maurizio Camin, direttore della Cooperativa Arianna. Alle 20.00 cena comunitaria offerta dalla casa. 

Antonio Simula 05 Ott 2016 Hits:282

Tutta farina del nostro sacco

Tutta farina del nostro sacco

Dal grano al pane attraverso la pietra. Una pietra, quella del mulino di Giano che è idea di socialità a beneficio della comunità della Valle dei Laghi. Un progetto di sviluppo locale dal basso che permette l’incontro di persone e crea un nuovo punto di aggregazione sociale. Il Centro Trentino di Solidarietà onlus inaugura a Casa Giano vicino a Santa Massenza il nuovo “Mulino di Giano”, ultimo passo per completare la filiera corta del pane a km VERO. Martedì 4 luglio 2017 alle ore 19.30 saranno il capitano della Dolomiti Energia Basket Trentino Toto Forray e Marco Merler CEO della Dolomiti Energia a dare avvio alla prima macinata di Casa Giano a S. Massenza con il mulino acquistato con una parte dei fondi raccolti dalla Cena di beneficenza organizzata presso la terrazza della Centrale idroelettrica di Riva del Garda. Fare il pane, metaforicamente, è il modo per mettersi insieme “lievitando”, maturando insieme pensieri ed idee, realizzando azioni concrete di sviluppo umano. La pietra che ruota aggiunge il significato della svolta, del rinnovamento, di un nuovo inizio. Anche con questa nuova possibilità la comunità “Casa di Giano” vuole fare parte della Valle dei Laghi, territorio che la ospita da undici anni, quale...

Antonio Simula 05 Ott 2016 Hits:120

Feed

Notizie da Vita.it


Accesso